meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Sab, 22/01/2022 - 19:50

data-top

sabato 22 gennaio 2022 | ore 19:12

Pranzo della solidarietà

Family 2012 - Pranzo della solidarietà

«Il Papa è qui con voi. Ha voluto lui questa mensa. La presenza del Signore è anche qui, tra tutti voi. Lui mi ha chiesto di portarvi il suo saluto». Sono le parole del Cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, benedicendo il pranzo che il Santo Padre ha voluto offrire a 100 famiglie più bisognose, organizzato dalla Caritas Ambrosiana nella mensa dell’Università Cattolica.

Sono le famiglie in difficoltà per la perdita del lavoro, già aiutate dal Fondo Famiglia Lavoro, i senza dimora di Scarp de tenis, famiglie straniere in situazione di bisogno, coppie di anziani, persone aiutate dalla Caritas, dalla Comunità Sant’Egidio, dalla Casa della Carità,dal servizio “Siloe”, dall’associazione Nocetum, dai Padri Somaschi, Cascina don Massimo.

Alcune famiglie sono state invitate su segnalazione dei servizi di accoglienza nei diversi Decanati della città, provenienti da tutta Milano.

Il Cardinale Antonelli ha ricordato il tema del VII Incontro Mondiale delle Famiglie e del Congresso Teologico Pastorale ribadendo «che per fare festa serve mensa del Signore e la mensa di famiglia. E noi siamo una grande famiglia di famiglie».

Hanno preso parte al pranzo solidale anche il vicario generale della Diocesi di Milano Monsignor Mario Delpini, che ha portato il saluto dell’Arcivescovo di Milano Angelo Scola, monsignor Luigi Stucchi, vicario episcopale di Varese e don Roberto Davanzo.

«Non è un pranzo delle famiglie povere ma un momento conviviale e di solidarietà – ha detto Davanzo, presidente di Caritas Ambrosiana».

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi