meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 33°
Gio, 18/07/2024 - 16:50

data-top

giovedì 18 luglio 2024 | ore 17:10

Esibizionista al Parco Castello

Era impegnata ad inserire nel tablet alcuni dati e non si era accorta di nulla, ma quando ha alzato gli occhi dallo schermo la scena che le si è presentata davanti non era delle più tranquillizzanti: un uomo con la cerniera dei pantaloni abbassati tentava di attirare la sua attenzione con gesti che non è difficile immaginare.
Legnano - Parco Castello (Foto internet)

Era impegnata ad inserire nel tablet alcuni dati e non si era accorta di nulla, ma quando ha alzato gli occhi dallo schermo la scena che le si è presentata davanti non era delle più tranquillizzanti: un uomo con la cerniera dei pantaloni abbassati tentava di attirare la sua attenzione con gesti che non è difficile immaginare. E’ accaduto due giorni fa ad un'impiegata di AMGA mentre era impegnata nell’effettuare alcune rilevazioni al Parco Castello. Il fatto si è verificato nelle immediate vicinanze dell’area cani che a quell’ora (erano circa le 11.30), complice forse anche il freddo, era stranamente deserta.

Di un’età probabilmente compresa tra i 50 e i 55 anni, carnagione chiara, barba, giubbotto e pantaloni color marrone, capellino nero con visiera, l’uomo ha continuato imperterrito sino a quando la nostra operatrice, spaventata ma intenzionata a non darlo a vedere, ha reagito insultandolo: solo a quel punto, si è ricomposto e si è dileguato.

La donna, che inizialmente si era limitata a raccontare l’accaduto ai colleghi, è stata poi invitata dall’azienda a denunciare l’episodio, anche per proteggere eventuali altre “vittime”: i recenti fatti di cronaca accaduti a livello nazionale c’insegnano, infatti, che certi comportamenti come, appunto, quello degli “atti osceni in luogo pubblico”, anche se non direttamente e gravemente lesivi (e, peraltro, neppure più considerati reati, perché depenalizzati con la sola sanzione amministrativa), non vanno comunque sottovalutati, perché possono essere i campanelli d’allarme di condotte ben più gravi.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento