meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Gio, 22/02/2024 - 05:20

data-top

giovedì 22 febbraio 2024 | ore 06:13

Verifica e monitoraggio dei ponti

Regione Lombardia stanzia 4 milioni di euro per le attività di verifica e monitoraggio dei ponti che insistono sulla rete viaria di competenza delle Province e dei Comuni.
Milano - Palazzo Lombardia (Foto internet)

Regione Lombardia stanzia 4 milioni di euro per le attività di verifica e monitoraggio dei ponti che insistono sulla rete viaria di competenza delle Province e dei Comuni. Lo prevede una delibera approvata dalla giunta regionale su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e Opere pubbliche, Claudia Maria Terzi.

"La nostra priorità - ha spiegato Terzi - è la sicurezza dei cittadini. Per garantire questo stiamo adottando misure che vanno anche al di là delle responsabilità dirette della Regione, poiché il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture sono in carico ai soggetti gestori. Quindi, nel quadro di un impegno costante per la manutenzione delle strade e ponti, annunciamo ulteriori contributi per 3.957.524 milioni di euro per il biennio 2024-2025".

"Questo finanziamento - ha proseguito Terzi - sarà destinato a sostenere le Province e la Città Metropolitana di Milano nell'attività di prevenzione e analisi, specialmente per quanto riguarda la funzionalità dei ponti e viadotti presenti sulle arterie, secondo quanto previsto dalle 'Linee guida Ponti' emanate dal Ministero Infrastrutture e Trasporti. È nostro obiettivo assicurare che i cittadini e i mezzi di trasporto che circolano sull'intera rete stradale lombarda possano usufruire di infrastrutture efficienti e ben manutenute. Pertanto, il loro monitoraggio continuerà a restare al centro delle nostre politiche".

Sono ammesse al finanziamento le seguenti attività:

- Incarichi per la progettazione del monitoraggio dei manufatti (viadotti, ponti, sottopassi e gallerie), comprendendo anche la fase di censimento delle opere d'arte presenti sulle direttrici analizzate.

- Analisi ispettive e di valutazione della causa del degrado.

- Indagini sperimentali specifiche, per esempio: prove di carico statiche, indagini dinamiche, indagini sulle fondazioni, sulle murature, sui calcestruzzi, sugli acciai, sui legni, sui ferri d'armatura e sui terreni.

- Monitoraggio delle fessurazioni e degli spostamenti.

- Formazione specifica per i dipendenti dell'Ente.

Province e Città metropolitana possono utilizzare i finanziamenti per svolgere attività anche sui manufatti di competenza dei Comuni, per attività di interesse condiviso tra le amministrazioni riguardo la verifica dei manufatti interessati dal transito di trasporti eccezionali. Inoltre, una quota dell'importo assegnato nel biennio può essere destinata alla copertura delle spese per corsi di formazione specifici sul monitoraggio dei manufatti destinati al personale interno, anche comunale, degli enti gestori.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi