meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 24°
Dom, 13/06/2021 - 23:50

data-top

martedì 15 giugno 2021 | ore 00:34

Si delocalizza sempre meno

Regione Lombardia negli ultimi dieci anni è diventato un territorio sempre più attraente a tal punto che le stesse imprese lombarde tendono sempre meno a delocalizzare.
Inchieste - Imprese: si delocalizza sempre meno

Regione Lombardia negli ultimi dieci anni è diventato un territorio sempre più attraente a tal punto che le stesse imprese lombarde tendono sempre meno a delocalizzare e a rimanere nei distretti produttivi dove sono nate. Lo conferma un’analisti condotta da Polis-Lombardia in cui appare chiaro che la delocalizzazione delle attività produttive lombarde all’estero ha subito una contrazione nell’ultimo decennio in particolare quelle attuate tramite accordi/contratti. Il censimento è stato effettuato nel 2019 ed è riferito all’anno 2018, ha riguardato 280 mila imprese con 3 e più addetti, di cui quasi 40 mila lombarde rappresentanti le quasi 195 mila imprese con almeno tre addetti presenti sul territorio regionale. Le imprese con almeno 10 addetti che hanno delocalizzato dal 2011 al 2018 attraverso Investimenti Diretti Esteri (IDE) sono passate da 800 a 719 con un calo del 10%, quelle attraverso contratti sono passate da 1942 a 913 con un calo del -53% e quelle che avevano in capo entrambe le modalità di delocalizzazione, sono passate da 100 a 33, con un calo pari al -67%. Per quanto riguarda i comparti; quelli dell’industria e delle costruzioni sommati sono passati dal 52% al 46% del totale, in favore dei servizi non commerciali che sono passati dal 31% al 37% del totale (mentre il commercio è rimasto al 17%). In calo anche la percentuale delle imprese che hanno delocalizzato in riferimento ai settori di afferenza dove, invece, si evidenzia una leggera contrazione in tutti i settori produttivi. Nell’analisi condotta si evidenzia una contrazione dell’industria, passata dal 56% del 2011 al 53% del 2018 e delle costruzioni, passate dal 7% del 2011 al 5% del 2018, il commercio è rimasto al 17% mentre i servizi non commerciali sono aumentati, ma solo relativamente, passando dal 20% fino al 25%. Osservando la dimensione d’impresa, espressa come numero medio di addetti, emerge che sono soprattutto le grandi imprese a delocalizzare, con una netta preferenza per la modalità degli Investimenti Diretti Estero (IDE), mentre per le medie e piccole imprese che svolgono almeno parte della produzione all’estero la modalità prescelta è quella dell’accordo/contratto. Le ragioni fiscali e gli incentivi finanziari non sono la motivazione dello spostamento all’estero dell’attività produttiva, anzi risulta essere la meno indicata dalle imprese (mediamente da meno di una ogni cento). La delocalizzazione nei paesi europei e in quelli asiatici è principalmente dovuta al minor costo del lavoro in prima istanza e all’accesso a nuovi mercati in seconda battuta. Queste due motivazioni sono le principali anche per le delocalizzazioni negli stati americani ma a posizioni invertite, qui è prioritario l’accesso ai nuovi mercati, seguito dal contenimento del costo del lavoro. La scelta di delocalizzazione non implica necessariamente una contrazione dell’attività realizzata in Italia, oltre otto imprese ogni dieci che ha svolto parte dell’attività produttiva all’estero si è posta comunque come obiettivo strategico l’incremento dell’attività in Italia (contro una media di 6 imprese ogni dieci tra quelle che non hanno delocalizzato). La delocalizzazione sembra quindi rientrare maggiormente in una strategia espansiva, in cui la contrazione del costo del lavoro è molto rilevante, seguita dall’accesso ai nuovi mercati. In riferimento ai paesi in cui si delocalizza, l’Europa (soprattutto dei paesi a moneta unica) risulta essere decisamente l’area preferita, vi sono poi delle differenze in base alla modalità utilizzata per delocalizzare. Al di fuori dell’Europa, esclusa la Cina, è più diffusa l’IDE mentre nei paesi europei extra UE sono molti i contratti/accordi. Soprattutto è emerso che, in particolare nel 2018, sono molte le imprese che delocalizzano in più aree. La delocalizzazione tramite IDE viene attuata soprattutto per via di ramo/partecipata in Europa, Cina e India mentre avviene principalmente tramite partecipata/joint venture negli altri paesi. La produzione delocalizzata in Europa ha una destinazione bilanciata tra vendita diretta nel paese in cui si è prodotto e importazione in Italia, quella in Asia ha una predominanza di rientro in Italia e un altro livello di vendita a paesi terzi mentre quella che avviene in America e negli altri paesi è principalmente destinata al mercato estero.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi