meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 17°
Lun, 03/10/2022 - 20:50

data-top

lunedì 03 ottobre 2022 | ore 21:11

I 'diversi'... abbracci

Emergenza Coronavirus: accorgimenti da tenere per tutti i cittadini. Ma, poi, sui campi di A è come se si fosse immuni, perché arriva un gol e tutti ad abbracciarsi per festeggiare.
Sport - Una delle partite giocate ieri (Foto internet)

Niente abbracci, strette di mano, contatti ravvicinati e assembramenti. Ditemi che stiamo scherzando, allora. No, lo scherzo non è per le misure da tenere (queste, ci mancherebbe, sono giuste e sacrosante; anzi bisognerebbe che tutti iniziassimo davvero a rispettarle), ma per quanto si è visto, purtroppo, nella giornata di ieri (domenica 8 marzo) sulla maggior parte dei campi di calcio della serie A. Perchè... "Forza che si gioca", già dimenticavo a porte a chiuse, e, in barba a quelli che sono gli accorgimenti da tenere, ecco che, il tempo di fare un gol e... via a saltarsi addosso e abbracciarsi per festeggiare. Un po' come se il Coronavirus facesse una precisa e mirata distinzione su chi contagiare o meno; in fondo, forse, riguardando alcune immagini che arrivano direttamente dai nostri stadi, verrebbe da pensare che il calcio italiano sia immune da questo virus. Chissà che non abbiano ragione, insomma, quanti hanno sempre visto e (molti) pure descritto i vari giocatori come degli highlander. Siamo seri, per favore, e iniziamo a seguire tutti quanti le regole; certo, non è facile, abituati ad una società e ad un mondo dove possiamo fare ogni cosa o quasi, però se l'esempio non arriva nemmeno da chi per la maggior parte di noi è considerato come un idolo e per certi aspetti anche un punto di riferimento (senza dimenticare che quei gesti vanno in televisione e sono visti da milioni e milioni di persone) beh... c'è molto di più dell'emergenza vera e propria che non funziona nel nostro Paese.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi