meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue, leggera pioggia
Mer, 28/02/2024 - 00:20

data-top

mercoledì 28 febbraio 2024 | ore 00:33

Idrotour alle dighe del Panperduto

Il presidente del Consorzio ETVilloresi, Folli: "L’eredità più bella del dopo Expo. A novembre qui con Regione Lombardia per inaugurare la nuova Centrale idroelettrica".
Territorio - Un momento dell'iniziativa

“Oggi le Dighe del Panperduto sono un punto di riferimento per Expo. Si tratta della vera e propria porta d’accesso all’Esposizione Universale, visto che da qui arriva l’acqua che alimenta i 3,8 Km del sito”. E’ quanto ha affermato il Presidente del Consorzio ETVilloresi e Presidente di URBIM Lombardia Alessandro Folli portando il proprio saluto, in occasione dell’inaugurazione dell’evento tenutosi sabato mattina, alle Dighe del Panperduto, all’interno della Settimana Europea della Cooperazione trasfrontaliera nel XXV anniversario di Interreg. L’EREDITA’ DI EXPO - Il Presidente Folli, ha accolto la comitiva di turista che hanno visitato il complesso del Panperduto ormai portato a termine. “Questo sito – ha spiegato Folli – è l’esempio più tangibile di cosa significhi dare risposte concrete e in tempi certi ai cittadini. Accanto al Museo delle Acque Italo–Svizzere, infatti, dalla prossima primavera entrerà in funzione a pieno regime anche l’ostello ormai terminato. In questo modo le Dighe del Panperduto, che si collocano sulla tratta Locarno Venezia, diventeranno uno dei luoghi più attrattivi dal punto di vista turistico di tutta la Lombardia”. Il Presidente Folli ha quindi posto l’accento sul ‘dopo Expo’. “Quella del Panperduto e, più in generale, il progetto Vie d’Acqua, rappresenta una delle eredità più importanti che ci lascerà in dote il grande evento internazionale. L’ACQUA DI EXPO PER IL SUD MILANO - Non a caso – ha rivelato Folli – abbiamo già concordato con il Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni di destinare l’acqua di Expo al Sud Milano dove l’agricoltura storicamente fa più fatica”. A NOVEMBRE IL TAGLIO DEL NASTRO - Sempre a proposito della fruttuosa collaborazione con Palazzo Lombardia, il Presidente del Consorzio ETVilloresi ha anticipato la scadenza di novembre. “Per quella data, infatti, – ha anticipato Folli – saranno conclusi anche i lavori della nuova centrale idroelettrica ormai in dirittura d’arrivo”. DUE MILIONI E 800 MILA EURO DAL GOVERNO - Folli ha poi sottolineato l’attestato di stima arrivato direttamente dal Governo. “Siamo uno dei pochi enti che non solo ha i conti in ordine ma addirittura risparmia. A questo proposito, mi piace qui sottolineare come lo Stato ci abbia assegnato 2 milioni e 800 mila euro in più come riconoscimento per i traguardi raggiunti. Queste risorse – ha proseguito Folli – le adopereremo per sistemare l’ultima parte della sponda qui davanti all’ostello”. REGIONE LOMBARDIA SEMPRE AL NOSTRO FIANCO - Da ultimo, il Presidente dell’ETVilloresi ha rivolto il suo ringraziamento a Regione Lombardia: “In questi miei 12 anni di presidenza ha dimostrato coi fatti di esser sempre al nostro fianco. Ritengo, però, che questa fiducia sia stata ben riposto. Abbiamo superato ottimamente la sfida di Expo e abbiamo ottenuto il riconoscimento di miglior Consorzio d’Italia e questo se da un lato ci riempie d’orgoglio, dall’altro lato, ci mette nelle condizioni di andare avanti con ancora maggiore impegno ed entusiasmo”. NEL 2017 DA LOCARNO A MILANO IN BARCA - All’evento, tra le diverse autorità intervenute, era presente anche Mario Avanza, Presidente del Parco Piemontese della Valle del Ticino e attuale Commissario. “Per noi il turismo fluviale è una risorsa preziosa - ha detto Avanza – inoltre, con i due milioni e mezzo di euro che abbiamo ottenuto dalla Regione Piemonte potremo portare a termine anche i lavori della Conca di Porta della Torre. In questo modo entro due anni al massimo la navigazione da Locarno a Milano senza soluzione di continuità sarà realtà”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi