meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 23°
Lun, 29/05/2017 - 23:50

data-top

martedì 30 maggio 2017 | ore 00:55

Il 'Fenomeno' Giani per la Revivre

Presentato il nuovo tecnico della Power Volley Milano Revivre. La squadra meneghina di A1 di pallavolo ha scelto l'ex pluricampione di club e con la Nazionale, Andrea Giani.
Sport - Il neo mister Andrea Giani durante la presentazione in Comune a Busto Arsizio (Foto Eliuz Photography)

La grinta è quella di sempre. Negli occhi e sulla faccia i segni di chi lo sport (e più precisamente la pallavolo) ce l’ha nel sangue e nel Dna. E in fondo diversamente non potrebbe essere per chi, come lui, è stato uno dei ragazzi della cosiddetta ‘Generazione di Fenomeni’. Da giocatore ha vinto praticamente tutto quello c’era da vincere (coppe e campionati, tra Modena e Parma), poi i trionfi con la maglia azzurra della nostra Nazionale (recordman, inoltre, in fatto di presenze, 474), da allenatore, invece, vuole provare a solcare le orme dei ‘grandi’ del volley e, dopo i primi traguardi in Italia ed all’estero, adesso cercherà di farlo con la Power Volley Milano Revivre. “Benvenuto Giangio”, o meglio “Benvenuto mister Andrea Giani”. Già, perché la squadra meneghina di A1 ha deciso di ripartire per la prossima stagione proprio da uno dei pilastri e dei simboli della pallavolo italiana nel mondo. Pronti via, insomma, con l’obiettivo chiaro e preciso di essere protagonisti. “Milano è una piazza molto particolare – sono state le parole del neo tecnico – Quando ho giocato contro squadre milanesi in passato ho visto che è una città carica di passione. Come giocheremo? Quello che conta è riuscire a trovare un’identità. Abbiamo ragazzi di ottime qualità, giovani davvero interessanti e che hanno le potenzialità per potersi togliere diverse soddisfazioni. Bisogna allenarsi Sport - Firma delle maglie per mister Andrea Giani sempre per vincere e scendere in campo per fare risultato. Che campionato faremo? Beh… non posso prevederlo ora, so però che affronteremo ogni sfida con testa, determinazione e grinta”. Un nome, dunque, che è sinonimo di calore, affetto, passione e di tanti ricordi che, uno ad uno, tornano alla mente degli appassionati e tifosi. E se, intanto, da una parte si attende appunto il campo per vedere quanti e quali risultati arriveranno, dall’altra c’è già un primo importante traguardo, perché l’annuncio di Giani ha acceso ancor di più l’entusiasmo del pubblico e della gente del capoluogo e di Busto Arsizio, là dove (al Palayamamay) il gruppo del presidente Lucio Fusaro è ormai di casa in tutto e per tutto. “Quali sono gli obiettivi? – conclude il mister – Milano merita di stare nelle zone alte della classifica. Certo non sarà facile, ma noi ce la metteremo tutta. E poi giocare al palazzetto di Busto sarà una marcia in più. Senti la vicinanza e il sostegno del tifo; le persone sugli spalti ti danno una carica straordinaria. La Revivrè ripartirà proprio da questo”. (FOTO ELIUZ PHOTOGRAPHY)

ANDREA GIANI, LA STORIA DELLA NOSTRA PALLAVOLO

Campioni si è o campioni si diventa. Andrea Giani, no! Il ‘Giangio’ è sempre stato entrambi. Campione fin da piccolo e poi sempre di più gara dopo gara, stagione dopo stagione. Un nome, una garanzia, insomma, con quel palmares da fare invidia a tutti: 5 campionati italiani, 5 coppe Italia, 1 Supercoppa Italiana, 2 Champions League, 3 coppe delle Coppe, 3 coppe Cev, 2 supercoppe Europee e 1 campionato Mondiale per club. E poi i grandi trionfi con la Nazionale, di cui tra l’altro detiene anche il record di presenze (474). La cosiddetta ‘Generazione dei Fenomeni, che si è portata a casa 2 argenti ed un bronzo alle Olimpiadi, 3 medaglie d’oro ai campionati Mondiali e 4 primi posti, un secondo e un terzo piazzamento agli Europei, senza dimenticare i 7 ori, i 2 argenti e i 2 bronzi nella World League, fino al gradino più alto del podio e ad un secondo e un terzo posto nella coppa del Mondo, e all’oro nella Grand Champions Cup FIBV. Mentre da allenatore, Giani ha centrato un campionato e una coppa Italia di A2, 2 Challenge Cup, la medaglia d’oro con l’Italia ai Giochi del Mediterraneo, un argento con la Slovenia agli Europei e un oro all’European League.